ANDREA NAPOLEONI

<- torna ai concerti

17 gennaio 2020

Beethoven Sonata op. 10 n. 2
Brahms Sonata op. 2

Dopo iniziali studi di pianoforte con Alberto Braghini, Andrea Napoleoni prosegue il suo percorso accademico presso il Conservatorio “G. Verdi” di Milano dove nel 2018 consegue la Laurea di II livello con il massimo dei voti e la lode sotto la guida di Silvia Limongelli. Attualmente frequenta i prestigiosi Corsi di Perfezionamento presso l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia con il Maestro Benedetto Lupo.

Ha avuto modo di perfezionarsi con artisti di fama internazionale del calibro di Emanuele Arciuli, Giovanni Bellucci, Fabio Bidini, Vsevolod Dvorkin, Alexander Lonquich, Andrea Lucchesini, Aleksandar Madzar, Rolf Plagge, Sander Sittig e Natalia Trull.

Vincitore di numerosi premi pianistici (Premio Forziati nel 2015, primo premio al 10° concorso “Città di Piove di Sacco”, il premio speciale “Orlando” al 55° concorso “Arcangelo Speranza” di Taranto, il Premio Rancati nel 2018), ha debuttato presso la Sala Verdi del Conservatorio con il Concerto n. 5 di Beethoven nella trascrizione per pianoforte e quintetto d’archi di V. Lachner.

Negli ultimi anni si è esibito sia come solista che in formazioni da camera per importanti associazioni musicali e stagioni concertistiche quali MiTo (prima mondiale di “Per Aspera ad Astra” di Gianluca Cascioli), Associazione Kreisleriana, Museo del Novecento, Università Bicocca, Accademia di Belle Arti di Brera, Palazzina Liberty. Nel 2015 si è esibito presso il Museo del Teatro alla Scala sul pianoforte Steinway and Sons appartenuto a Franz Liszt. Ha anche collaborato con l’orchestra “Roma Sinfonietta” presso l’Università di Roma “Tor Vergata” e l’Auditorium Parco della Musica. Tra le più recenti esibizioni ricordiamo quella presso le Gallerie d’Italia di Milano per “La Filarmonica di Milano” in trio con il violinista Giulio Plotino e il violoncellista Francesco Parazzoli e il debutto alla Biennale di Venezia 2019 con l’ensemble Novecento dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia.

Nei prossimi mesi Andrea debutterà nella stagione concertistica dell’Accademia Filarmonica Romana con un programma dedicato a Bach e Chopin.