GIORGIO LAZZARI

<- torna ai concerti

24 febbraio 2020

Beethoven Sonata op. 111
Schumann Sonata op. 14

Nato a Bergamo nel 2000, ha intrapreso lo studio del pianoforte con la Maestra Damiana Natali, successivamente ha proseguito gli studi presso l’ISSM Gaetano Donizetti di Bergamo, dove attualmente è iscritto alla terza annualità del triennio accademico sotto la guida della Prof.ssa Maria Grazia Bellocchio. Partecipa regolarmente a masterclass di pianoforte e musica da camera, in duo con la violinista Emilie Chigioni.

Si è esibito a Bergamo presso Sala Piatti, Salone Riccardi, Casa natale di Gaetano Donizetti, Centro congressi Giovanni XXIII, Ridotto del teatro Donizetti, a Milano presso Palazzina Liberty, Fonderie Napoleoniche, Fondazione Feltrinelli, Contemporary music hub, Fondazione Pasquinelli, Hangar Bicocca e Show room Fazioli, e in altre città come Monza, Spoleto, Bobbio, Maccagno, Varenna, Alessandria, Sestri Levante. Nell’agosto 2018 ha tenuto alcuni recital in duo con la violinista Emilie Chigioni nella regione francese dell’Auvergne.

Ha suonato per l’associazione “Giovani pianisti di Kreisleriana” di Milano eseguendo studi tratti dalle opere 10 e 25 di Chopin (2015), i quattro improvvisi op. 142 di Schubert (2017), “fantasie” di Bach e Schumann (2018) e le monumentali Varazioni Goldberg di J.S. Bach (2019), poi replicate per l’Associazione GIA (Giovani Interpreti Associati) a Brescia e nella città tedesca di Bonn.

Nel maggio del 2016 si è esibito alla cerimonia di apertura del “Festival della cultura di Bergamo” prendendo parte alla realizzazione dell’esecuzione del concerto per quattro pianoforti e orchestra d’archi di J.S. Bach.

A giugno del 2016 ha suonato nell’ambito della rassegna “Note in volo” organizzata da Fazioli pianoforti.

È stato selezionato per partecipare ai concerti organizzati dal Conservatorio di Bergamo in collaborazione con il “Festival pianistico internazionale di Brescia e Bergamo” negli anni 2017, 2018, 2019, collaborando rispettivamente, al “Progetto Beethoven” (esecuzione dell’integrale delle sonate di Beethoven) ai concerti intitolati “Il festival parla russo. Tchaikovsky, mon amour!” e “Musica velata, Schumann e Brahms” organizzati presso il ridotto del teatro Donizetti, Sala Piatti e l’auditorium Fellegara di Bergamo, e poi replicati a Milano. 

Si è aggiudicato inoltre riconoscimenti in numerosi concorsi pianistici nazionali e internazionali tra cui il primo premio assoluto al “Concorso pianistico città di Spoleto” e al “concorso J.S. Bach” (Sestri Levante), il primo premio al “Concorso Antonio Bartolini” (Milano), alla “European Music competition Città di Moncalieri”, all’ “Alessandria piano competition” e al “Concorso pianistico internazionale Città di Spoleto”. Nel marzo dello scorso anno è stato finalista della “Robert Schumann competition for young pianists” (Dusseldorf). Nell’aprile 2018 ha vinto il secondo premio al prestigioso “Concorso pianistico nazionale Marco Bramanti” di Forte dei Marmi.

L’interesse per il repertorio contemporaneo inoltre lo ha portato a collaborare con Stefano Gervasoni, frequentando una sua masterclass e avendo l’opportunità di lavorare sul terzo volume dei suoi “Près”, e Alessandro Solbiati, di cui ha eseguito una selezione dall’opera “Corde e Martelletti” per il Festival Trame Sonore presso. Ha preso parte al “Festival Milano Musica 2018”, incentrato sull’opera pianistica di G. Kurtag, partecipando a uno workshop con il compositore O. Cuendet.